giovedì 23 luglio 2009

Il personaggio: HARRY POTTER




Lo strategico spostamento di un anno (il film doveva uscire nell'agosto dell'anno scorso) e i tanti mesi di postproduzione in più hanno probabilmente fatto salire alle stelle la febbre dei potterologi, ma certo non hanno fatto ordine nel magma ribollente del sesto capitolo delle avventure del maghetto. Eppure, Harry Potter e il principe mezzosangue comincia benissimo con l'assalto dei Mangiamorte a Londra e ai babbani, che sfocia nella distruzione del Millennium Bridge, con grande sfoggio di effetti raffinati e un tuffo spaventoso nel mondo che più dark non si può. Aggiungono fascino il ritorno di Lumacorno a Hogwarts, interpretato da un Jim Broadbent in grande forma (come quasi tutti gli attori) e alcuni tratti classici del racconto, come la discesa agli inferi di Silente e Harry persi nella grotta dei misteri. Cos'è che non c'azzecca allora? Di sicuro per addentrarsi nel cupissimo finale della storia (altri due film, Harry Potter e i doni della morte Parte I e Parte II racconteranno il settimo, conclusivo, capitolo e usciranno il 19 novembre del 2010 e il 15 luglio 2011) ci sarebbe voluto un regista ben più immaginifico di David Yates, che invece concede davvero troppo spazio agli sdilinquimenti dei tre giovani protagonisti, annacquando il racconto tra indistinti amorazzi e amori. E la millenaria guerra tra il Bene e il Male rischia così di venire oscurata da una banale tempesta ormonale.

7 commenti:

gianfelice ha detto...

non solo... in quanto questo romanzo, a mio parere il più avvincente, è stato trasformato in un film alquanto monotono; addirittura a molti spettatori è venuto sonno (compresi i miei amici.....). David Yates non è stato per niente all'altezza e questo "mattone" ne è la dimostrazione... delusoooooooo

Anonimo ha detto...

Vero vero.. io sono partita convinta e felice ma che brutto...ma non è che un anno fa l'hanno rimadnato anche perché non erano convinti di sta roba..?
Lori

Anonimo ha detto...

Il film non doveva uscire in agosto, ma il 21 novembre, data che poi fu utlizzata dalla summit x il lancio di twilight. Ad agosto, precisamente il 14 fu data la notizia che il film sarebbe slittato a luglio.
Per il resto sono daccordo anch'io!David Yates arricchisce un pò troppo la scena con amori e gelosie e dimentica il resto, la storia è lasciata al caso, e spesso non è spiegata benissimo...questo rende forse il film più divertente di come invece inizilmente era stato presentato, perchè io sinceramente di oscuro/dark/spaventoso ho visto ben poco...In tutto questo la rowling mi chiedo che fine abbia fatto? Si sta solo godendo i tanti amati soldi guadagnati? perchè non supervisiona il lavoro in post-produzione, a maggior ragione se hanno avuto 8 mesi in più per lavorarci? Non dico di essere rimasta delusa dalla visione del film, ma quasi. Ho avuto bisogno di una seconda visione x cogliere particolari nascosti che invece avrebbero meritato un importanza maggiore...ma pazienza...loro hanno guadagnato lo stesso un sacco di soldi e noi siamo rimasti con l'amaro in bocca...ma questo non ci fermerà dal comprare il dvd e dall'aspettare con ansia anche i doni della morte...xkè harry ammettiamolo è sempre harry! G.M.

Anonimo ha detto...

Anche io mi sono chiesto la Rowling cosa sta facendo? Questo film è distante dal libro, non ha lo spirito giusto, e Yates davvero è troppo floscio moscio come regista, mah. In compenso Broadbent vale tutto il film
BERN

pasquii ha detto...

Troppo mieloso!!! vogliamo la vera atmosfera dark dell'incombente battaglia con voldmort!! abbasso gli ormoni e grande direttore!!

Antonella ha detto...

Condivido in pieno la recensione! il film parte benissimo e poi decade. Però avevo trovato abbastanza noioso anche il libro (a parte il finale), troppo dedicato ai problemi d'amore dei tre protagonisti... anche se forse questo li rende più "adolescenti babbani"!

Anonimo ha detto...

Beh la mia idea rimane che Harry Potter è lo stesso sia un gran film che un gran romanzo.Fino al quinto film comunque mi sembrava che essi fossero belli,forse tralascavano qualche particolare rispetto ai romanzi.E' il sesto film che lascia a desiderare rispetto al libro.Certo alla fine ci piacciono gli effetti speciali che offre il film come al solito,ma nel sesto film si tralascia davvero troppo rispetto al libro,e come avete detto si da più importanza a fatti amorosi ecc...Sono ansioso di vedere il settimo film per vedere comunque come il regista riesce a far capire quello che ha tralasciato le cose del sesto libro,e per vedere l'ultima scena che nel libro mi ha lasciato il cuore in gola mentre leggevo =) .

p.s.Sapete quanto dureranno tutte e due le parti del settimo film???